“Era un piacere lavorare.
Io posso dire di avere partecipato alla nascita
di questo mondo e di avere dato il mio contributo”

(Giuseppe Bisi, fondatore HMC)

La Storia di HMC ha le sue origini nel fondatore, Giuseppe Bisi. Fin dalla fine degli anni ’60 ha vissuto da protagonista le pionieristiche vicende che hanno visto nascere e fiorire il Distretto biomedicale di Mirandola.

 

Nel 1997, insieme a MODENPLAST ed HAIDYLENA nasce HMC (Haidylena Modenplast Component).
L’attività core è stata inizialmente il commercio di componentistica. Ma l’istinto imprenditoriale di Giuseppe Bisi unito alle doti dei collaboratori e alle diverse acquisizioni, hanno portato nel tempo il Gruppo HMC ad una notevole evoluzione. Oggi HMC Group è una industria di produzione riconosciuta a livello mondiale e leader in Italia.

“HMC è una bella realtà e ha ancora grandi potenzialità di crescita. Investiamo tanto in innovazione, così da essere sempre all’avanguardia”

(Andrea Bisi)

Le acquisizioni, e quindi il passaggio da HMC ad HMC Group, sono state fondamentali per questa evoluzione:

  • PREMEDICAL (2003), azienda specializzata nella produzione e distribuzione di dispositivi medici monouso, dotata di proprio marchio CE
  • MEDITEA (2008), azienda molto legata al mercato delle multinazionali specializzata nella produzione di dispositivi medici e nell’attività di estrusione tubi
  • VOJMEDICAL (2010), assemblaggio dispositivi medici
  • MACOSTA (2011), specializzata nello stampaggio ad iniezione e, attraverso una officina interna, nella costruzione di stampi
  • MEDICINA (2017), distributore internazionale per nutrizione enterale
  • POLYMED (2018), dispositivi per il controllo del flusso dei fluidi

Importanti e continui investimenti tracciano anche la crescita ventennale di HMC.

  • Insediamento nel 2004 in un nuovo stabilimento a Mirandola: 4.000 metri quadrati, camera bianca ISO classe 8 per la produzione di dispositivi medici, reparto di stampaggio
  • Realizzazione nel 2006 del primo reparto di estrusione tubi
  • Costruzione nel 2010 di una sede produttiva in Serbia per l’assemblaggio di dispositivi medici
  • Realizzazione nel 2012 in Serbia di un nuovo reparto stampaggio
  • Completamento e inaugurazione, nel 2014, dei due nuovi stabilimenti realizzati dopo il sisma del 2012:
    Medolla – 2.500 metri quadrati dedicati a stoccaggio e logistica
    Mirandola – 7.500 metri quadrati dedicati alla produzione: camera bianca di 2.500 metri quadrati (stampaggio, estrusione, assemblaggio automatico); officina meccanica (manutenzione, progettazione, costruzione stampi); uffici direzionali, commerciali, tecnici, amministrativi.

2012: il sisma e le sue conseguenze

La notte tra il 19 e il 20 maggio del 2012 ha rappresentato anche per HMC un problema importante. Dopo i controlli, la volontà della proprietà e dei dipendenti fu quella di continuare. Non era scontato.

Due giorni dopo HMC è ripartita: con la produzione e tanta voglia di fare.

Pochi giorni dopo, la seconda scossa di terremoto che ha colpito l’Emilia, ha costretto allo spostamento della produzione a Rubiera (in provincia di Reggio Emilia). Il 30 luglio 2012 HMC era già pronta con 1.500 metri quadrati di camera bianca, con estrusione e stampaggio.

“Il nuovo stabilimento: completato e inaugurato nel 2014”

Nel 2014 vengono inaugurati i nuovi fabbricati.

Uno stabilimento di 2500m2 dedicato allo stoccaggio e logistica di spedizione e uno di 7500m2 dedicato alla produzione comprensivo di camera bianca di 2500m2 per stampaggio, estrusione e assemblaggio automatico, officina meccanica per manutenzione e costruzione stampi e la palazzina uffici di 1000m2.

1997-2017: il logo celebrativo dei vent’anni di HMC

“Un percorso di crescita e consolidamento aziendale”

Nel biennio 2017 e 2018 due importanti acquisizioni

HMC Premedical S.p.A. raggiunge altri due importanti risultati.
Un percorso iniziato nel 2017 con l’acquisizione della quota di maggioranza del Gruppo Medicina, da anni importante distributore a livello internazionale di prodotti per nutrizione enterale e che prosegue nell’anno 2018 con l’acquisizione di POLYMED, società Milanese presente da venticinque anni nel settore dei dispositivi per il controllo del flusso dei fluidi durante la Terapia Infusionale, producendo e commercializzando una vasta gamma di Rubinetti e Rampe.

A fronte del consolidamento della struttura, cresce in questo modo l’organizzazione e la visibilità, favorendo la nascita di nuove opportunità in tutto il mondo.